Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

INAUGURAZIONE DELLE CASE AMPLIATE E RIABILITATE – PROGETTO “LIMA ESTE SEGURA: ESTRATEGIA EFECTIVA PARA LA PROTECCIÓN FRENTE A LA VIOLENCIA Y ABUSO SEXUAL DE NIÑAS Y NIÑOS”

L’8 marzo l’Ambasciatore italiano Mauro Marsili ha partecipato alla inaugurazione delle case ampliate e ‘riabilitate’ nell’ambito del progetto “Lima este segura: estrategia efectiva para la protección frente a la violencia y abuso sexual de niñas y niños”, realizzato dalla ONG ASPEm con il finanziamento del Fondo Italo Peruviano.
Il progetto, che prosegue una positiva esperienza sviluppata negli anni scorsi nel distretto di El Agustino, a Lima, prevede un impegnativo lavoro di tutela dell’infanzia e dell’adolescenza con una particolare attenzione a ridurre i rischi di abuso e violenza sessuale presenti anche nelle famiglie. Con la collaborazione della municipalità, delle scuole e delle organizzazioni della società civile, gli adulti della comunità di Huaycán, nel distretto di Ate, all’estremo est di Lima, vengono sensibilizzati al problema e le oltre 250 famiglie verranno aiutate a creare con semplici materiali stanze separate per le figlie e i figli. In questo modo i ragazzi godono di maggiore intimità, diventano responsabili di uno spazio e si evitano situazioni di disordine potenzialmente pericolose.
Domenica 8 si è celebrato l’evento Niñas y Niños seguros con la visita delle prime case abilitate e la consegna ai ragazzi delle chiavi delle loro nuove camere.
Nel suo intervento l’ambasciatore italiano ha invitato a continuare a lavorare insieme per costruire comunità più solidali e accoglienti. Con lui, oltre ai ragazzi della comunità autogestita di Huaycán, erano presenti il sindaco del distretto di Ate, Oscar Benavides, la direttrice di ASPEm in Perù, Maria Esther Zevallos, e i condirettori del Fondo Italo Peruviano, Fernando Lituma e Riccardo Moro.